lunedì, Marzo 30, 2020
0 Carrello
Edilizia

15 film famosi che un architetto non può non conoscere

Il cinema e l'architettura sono andati di pari passo da quando è nata la settima arte. Questi sono i 15 film che ogni architetto dovrebbe guardare … almeno una volta nella vita

15 film famosi che un architetto non può non aver visto!
5.34KVisite

Il ruolo dell’architettura nel cinema si è sviluppato nel corso degli anni, coinvolgendo un vasto pubblico e deliziando gli spettatori attraverso mondi sia nuovi che familiari. È con questa tradizione in mente che diamo uno sguardo alla connessione tra il mondo costruito e il grande schermo, tra una scenografia straordinaria che ha rubato lo spettacolo e la sottile messa in scena che ha portato alla luce il meglio di una scena.

Tra realismo e poesia, intimità e monumentalità, questi sono i 15 film famosi che ogni architetto dovrebbe guardare.

1 – Mio architetto. A Son’s Journey, diretto da Nathaniel Kahn, 2003

Un documentario che circonda uno dei grandi del XX secolo, Louis Kahn, che fu trovato morto nel bagno di una stazione di New York nel marzo del 1974. Kahn era un genio controverso con un piede nel movimento moderno e un altro che esplorava la profondità spirituale delle rovine romane, greche ed egiziane. I suoi capolavori includono il Salk Institute of California, che sviluppa il concetto di monumentalità e la Biblioteca Exeter Academy di Philips. Il film segue il lavoro dell’architetto e la sua vita personale, attraverso la storia di suo figlio illegittimo, Nathaniel, il regista, mentre cerca il padre che lo ha abbandonato.

2 The Belly of an Architect, diretto da Peter Greenaway, 1987.

Arrivato a Roma con sua moglie per curare una mostra intorno a Etienne-Louis Boullée, l’architetto Stourley Karcklite scopre di avere un cancro allo stadio terminale. L’eternità delle rovine romane è la scenografia perfetta per riflettere sulla storia e sulla sofferenza individuale. Un po ‘Leopardi, un po’ Sorrentino, un po ‘Pirandello.

3 Metropolis, diretto da Fritz Lang, 1927.

Un vero capolavoro del cinema muto e la madre di tutti i film distopici di fantascienza. Nell’anno 2026, la città di Metropolis è governata da un imprenditore despota Joh Fredersen, arroccato in alto in un mare di grattacieli. L’intera classe operaia viene sfruttata in un sotterraneo dove un’enorme “M Machine” esplode al loro primo errore. L’imponente architettura dei grattacieli della città è al centro della scena quasi come personaggio principale, rappresentando un potere che annienta e soggioga. Fritz Lang tratta l’argomento della schiavitù e della Torre di Babele con ispirazione estetica dai paesaggi notturni di New York.

4 Koyaanisqatsi, diretto da Godfrey Reggio, 1982.

6 anni di riprese per un documentario il cui titolo in lingua Hopi significa “vita squilibrata”. Un film muto senza narrazione, è un collage che racconta la storia dell’evoluzione umana, dalla natura al mondo invasivo creato dall’uomo di oggi. Stupende scene aeree di edifici razionalisti si alternano a enormi grattacieli americani illuminati di notte, il tutto con la musica minimalista di Philip Glass. Il primo della trilogia di “Qatsi” che stupirà sicuramente. Fotografia di Ron Fricke.

5 – Caro diario, diretto da Nanni Moretti, 1993.

La Vespa bianca Piaggio che gira intorno a Roma non sarà più la stessa. Uno dei film cult più autobiografici di Moretti diviso in 3 episodi. Gli architetti si innamoreranno del primo, dove Nanni Moretti attraversa i quartieri romani deserti in estate, quando intere metropoli sarebbero evacuate nei mesi caldi. Caro Diario è un capolavoro del cinema italiano, con un omaggio a Pasolini.

6 Wings of Desire, diretto da Wim Wenders, 1987.

Wim Wenders ha una predilezione per le città: ci ha portato all’Avana con il Buena Vista Social Club, a Palermo con Palermo Shooting e Lisbona con Lisbon Story. Ma il migliore di tutti deve essere Wings of Desire, in cui il regista tedesco ritrae la città di Berlino attraverso gli occhi di due angeli invisibili mentre spiano le storie e i pensieri della gente del posto. Con Peter Falk e molta Berlino, tra cui Potsdamer Platz e le pareti dei graffiti; è una riflessione poetica sulla capitale (e sulla vita) tedesca di uno dei più grandi registi tedeschi.

7 La Haine, diretto da Mathieu Kassovitz, 1995.

Il film di riferimento quando parliamo di centro e periferia, integrazione, emarginazione e … Vincent Cassel. L’attore francese interpreta Vinz, un giovane della periferia di Parigi che vaga per la zona con i suoi amici Hubert e Said. Le cose nel quartiere sono tese dopo che la polizia ha picchiato un ragazzo durante gli scontri e Vinz, il più agitato di tutti, mette le mani su una pistola. Dopo aver vagato per il centro città, i ragazzi scoprono che non c’è posto per loro a Parigi. Un film rilevante per la sua analisi sui problemi urbani e sociali anche 20 anni dopo la sua uscita.

8 L’Inhumaine, diretto da Marcel L’Herbier, 1923.

Concepito come anteprima dell’Esposizione Internazionale delle Arti decorative e industriali moderne del 1925, questo film muto ruota attorno alla femme fatale Claire Lescot, “la donna disumana”, che è desiderata da tutti: l’uomo d’affari, il politico, un maharaja e Einar l’inventore che finge il proprio suicidio per la donna. A lavorare alla scenografia c’era l’architetto Robert Mallet-Stevens, che progettò la facciata della villa di Clair. Nel frattempo, Fernand Léger progettò il laboratorio dell’inventore in stile cubista e Alberto Cavalcanti progettò l’atrio in stile Art Nouveau. Altri architetti e designer hanno lavorato sul set del film, soddisfacendo il desiderio di Herbier di creare un capolavoro dell’arte moderna.

9 Blade Runner, diretto da Ridley Scott, 1982.

Blade Runner non ha bisogno di molte presentazioni. Chi non ricorda il famoso monologo “Ho visto cose che voi non credereste …”? Gli architetti scopriranno paesaggi distopici che traggono ispirazione da Metropolis.

10 Rocco e i suoi Fratelli, diretto da Luchino Visconti, 1960.

Il cinema italiano al suo meglio. Visconti mostra Milano da un seminterrato a Lambrate, dove la famiglia Parondi è costretta a vivere. Dalla cima del Duomo alla palestra di boxe, passando per l’idroscalo e la stazione centrale, è Milano attraverso una lente in bianco e nero.

11 Mamma Roma, diretta da Pier Paolo Pasolini, 1962.

Una pietra angolare dell’ampio cinema “romano” e del secondo film di Pasolini. Anna Magnani è “Mamma Roma”, una prostituta che vuole cambiare vita. La telecamera la segue attraverso le sue avventure con uno sfondo di Casal Bertone, il sobborgo di Quadraro, Tor Marancia. Puoi anche dare un’occhiata al parco acquedotto. Un grande film per scoprire Pasolini ed esplorare la periferia di Roma e il suo sviluppo a metà del XX secolo.

12 Manhattan, diretto da Woody Allen, 1979.

Woody Allen nella sua forma più smagliante, Manhattan e il film con la migliore inquadratura di un ponte in bianco e nero. No, non è Brooklyn, ma il ponte di Queensboro che collega Manhattan a Long Island City passando per Roosevelt Island. Gli alti e i bassi dei grattacieli sono un poetico sussulto di ironia e malinconia, come le note di un clarinetto jazz. La scenografia della città è impeccabile e il dialogo e la trama sono tra i migliori di Allen.

13 Il passeggero, diretto da Michelangelo Antonioni, 1974.

Jack Nicholson, un giornalista di successo annoiato dalla vita stessa, assume l’identità del morto dopo aver trovato il suo cadavere. Nicholson una volta disse al Corriere che Antonioni “lo ha portato a vedere l’architettura di Gaudì, facendolo perdere e scoprire l’identità del giornalista”. Oltre Barcellona, puoi scorgere squarci di piazze a Londra e nel Sahara.

14 Le Mani sulla città, diretto da Francesco Rosi, 1963.

Un film con una visione unica dei “palazzinari” senza scrupoli. Ambientato a Napoli, tra l’ala destra e la sinistra, il film esplora il conflitto di interessi tra immobiliare, politica e amministrazione. Fu lo sceneggiatore Raffaele La Capria a dichiarare: “Napoli è una delle città più devastate dalle oscene pratiche immobiliari; era una città bellissima e sono riusciti a rovinare tutto, anche la salute e la vita dei suoi abitanti ”.

15 2001: Odissea nello spazio, diretto da Stanley Kubrick, 1968.

Per molti, è il film più bello di tutti i tempi e tra i più famosi di Kubrick. Avendo recentemente compiuto 50 anni, è stata la stella polare della fantascienza e del design per decenni. Per la produzione, i designer sono stati chiamati a immaginare le versioni future degli oggetti di uso quotidiano. Il film rimane un classico per la sua capacità di rappresentare il mistero della vita in una singola immagine: il monolito nero, dove tutti vedono ciò che vogliono.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi