mercoledì, Giugno 12, 2024
0 Carrello
Eventi

Architettura in Città 2015: 105 appuntamenti fra, conferenze, spettacoli e proiezioni

Torino si riprende lo scettro di città dell’architettura con la manifestazione “Architettura in Città 2015”

1.77KVisite

Sono state circa 6500 le presenze registrate nel 2014 per il festival Architettura in Città, promosso dalla Fondazione OAT e dell’Ordine degli Architetti di Torino. L’evento da tanti definito quasi come un contesto di nicchia, per appassionati di architettura, cultura urbanistica e dinamiche del territorio, riesce però ogni anno ad intercettare flussi consistenti di pubblico grazie all’ampio palinsesto e alla grande varietà delle proposte.

Quest’anno si replica “Architettura in Città 2015”, in programma all’ombra della Mole dal 30 giugno (oggi l’evento inaugurale) fino al 4 luglio, una serie di ben 105 iniziative cosi suddivise:

  • 26 incontri e conferenze

  • 28 mostre e installazioni

  • 18 itinerari di visita

  • 8 spettacoli (tra teatro e cinema)

  • 6 presentazioni di libri

  • 5 laboratori

Torino quindi si candida a riprendersi quello scettro di città dell’architettura che gli eventi legati all’Expo meneghino avevano in un certo qual modo portato a Milano.

Tra i moltissimi appuntamenti in calendario per questa edizione di Architettura in Città, il paesaggista Andreas Kipar dello studio Land incontrerà la curatrice Simona Galateo per parlare di sconfinamenti naturali; a discutere di confini geo-politici invece, riflettendo sui flussi migratori e sul Mar Mediterraneo, saranno l’architetto Alfonso Femìa dello studio 5+1AA e la scrittrice sarda Michela Murgia.

E ancora, lo sconfinamento nei processi formativi sarà al centro dell’incontro tra Sandy Attia dello studio Modus di Bolzano, esperta nella progettazione di scuole e centri educativi, e Vea Vecchi, che dal 1994 collabora con la fondazione Reggio Children.

Tanti gli eventi live invece,degno di sicura nota, almeno a stare alle aspettative,  lo show della compagnia blucinQue, VertigoSuite#2: contaminazioni fra teatro, danza, circo, musica elettronica, giocando con la condizione di sospensione e cambiamento.

 

Infine il 3 luglio, grazie alla collaborazione con Musica 90, il concerto di Antye Greie, in cui si fondono strumenti analogici, beat elettronici, speech vocali, campionamenti, lasciando sconfinare la tradizione della musica tedesca con il rigore industrial e le sperimentazioni elettroniche più attuali.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi