sabato, Ottobre 24, 2020
0 Carrello
Professione

Architettura Moderna: che cosa è, come nasce, come si sviluppa.

Come è nato il movimento dell'architettura moderna? Quali gli eventi importanti, quali le sue influenze e quali i suoi protagonisti?

Architettura moderna: nascita e sviluppo dei modernisti
205Visite

L’architettura moderna e il modernismo in architettura si caratterizzano dalla enfasi che viene posta sulla forma rispetto all’ornamento, sullo studio dei materiali e della struttura e sull’uso abile e metodico dello spazio.

Nel mondo, tra il 1930 e il 1970 sono nati diversi stili di architettura moderna. I movimenti Internazionale, Espressionista, Brutalista, Nuovo Formalista e Googie, sono solo alcuni dei figli dell’architettura moderna nata dalle idee propagate a partire dalla Fiera mondiale di Chicago del 1893. La fiera fu la culla di tantissime nuove idee in ambito architettonico, la struttura espositiva si caratterizzò per essere stata edificata come una “guida all’architettura moderna”.

La fiera fu edificata interamente da edifici (considerati all’ora) all’avanguardia, e al termine dell’esposizione la fama degli architetti americani e del industria a stelle e strisce conobbe un notevole sviluppo e notorietà.

Come nacque la progettazione della fiera di Chicago? La nascita dell’Architettura Moderna!

L’architetto capo era Daniel Burnham, che reclutò i più importanti architetti americani, tra cui lo studio Adler e Sullivan di Louis Sullivan, per progettare gli edifici temporanei per la Fiera. Louis Sullivan, noto soprattutto per la sua filosofia estetica “la forma segue la funzione” che divenne il grido di battaglia del movimento dell’architettura moderna, influenzò profondamente la costruzione delle fiera.

Il rifiuto di Sullivan dell’ornamento fine a se stesso e la grande lezione della fiera della città del vento influenzò tantissimi giovani architetti. Uno dei tanti, ispirati dalla Fiera mondiale di Chicago del 1893, fu Frank Lloyd Wright.

Alla Fiera, Wright incontrò l’architettura giapponese nella sua forma tradizionale nel padiglione ufficiale del governo giapponese, un incontro che influenzò poi la sua produzione architettonica.

L’edificio presentava una riproduzione in mezza scala di un tempio giapponese. La pianta aperta, l’orizzontalità, gli ampi tetti, l’artigianato accuratamente lavorato e i muri non strutturali avrebbero influenzato l’estetica del design di Wright per il resto della sua carriera.

Architettura Moderna: da Wright alla nascita del Bauhaus!

Dall’altra parte dell’atlantico, i giovani architetti europei rimasero estasiati dalle audaci forme astratte prive di ornamenti di Wright. Walter Gropius e Mies van der Rohe, che sarebbero diventati le principali menti del Bauhaus, iniziarono a incorporare alcune delle forme più astratte di Wright nelle loro lavoro. Staatliches Bauhaus, noto semplicemente come Bauhaus, è stato l’epicentro del movimento dell’architettura moderna in Europa.

Che cosa era il Bauhaus?

Il Bauhaus era una scuola tedesca di architettura, scultura, pittura, design e artigianato, guidata da Walter Gropius, attiva dal 1919 al 1933 che portò il movimento moderno alla ribalta internazionale. I leader del Bauhaus Walter Gropius, Marcel Breuer e Ludwig Mies van der Rohe lasciarono la Germania alla fine degli anni ’30 per sfuggire alla pressione della Germania nazista. Gropius e Breuer iniziarono a insegnare alla Harvard University School of Design, dove Gropius era preside, e Mies van der Rohe divenne professore presso l’Armor Institute di Chicago, ora Illinois Institute of Technology.

Nata in America, cresciuta in Europa, invecchiata (bene) nuovamente in America.

Questi espatriati (a cui ne seguirono tanti altri) si ambientarono cosi bene in America che il loro lavoro contribuì a far crescere e a diffondere nel mondo l’architettura moderna. Gropius, Marcel Breuer e Ludwig Mies van der Rohe, allevarono un intera generazione di nuovi architetti come Philip Johnson, Paul Rudolph, IM Pei, Edward Durell Stone, tutti formatisi con ideali modernisti e che oggi sono considerati a loro volto dei simboli mondiali dell’architettura.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi