domenica, Agosto 9, 2020
0 Carrello
Attualità

Codice appalti: rinuncia al regolamento è un passo importante per la semplificazione

La decisione del Governo del regolamento di attuazione del codice appalti , è un passo importante verso una effettiva semplificazione dell’intera materia

1.01KVisite

 “La decisione del Governo” anticipata ieri dal Ministro Delrio nel corso del suo intervento alla Commissione Ambiente della Camera ”di fare a meno, nel disegno di legge delega di recepimento delle direttive sugli appalti, del regolamento di attuazione del nuovo codice appalti, è un passo importante, anzi decisivo, verso una effettiva semplificazione dell’intera materia. Da sempre gli architetti italiani sostengono questa tesi che ora sembra vedere finalmente la luce attraverso un apposito emendamento in via di definizione.”

Così Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

“Ma c’è un altro aspetto fortemente innovativo” afferma ancora Freyrie “sul quale gli architetti italiani esprimono un giudizio molto positivo: il nuovo e decisivo ruolo assegnato, in cooperazione con il Parlamento – all’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione, chiamata a predisporre, in sostituzione dell’elefantiaco e superburocratico Regolamento codice appalti, una serie di linee guida snelle, ma efficaci che saranno certamente in grado di svolgere contemporaneamente una azione di regolamentazione e di controllo”.

Freyrie, infine, sottolinea come vi sia un altro importante tema che dovrebbe trovare soluzione con un emendamento.

“Si tratta” afferma Freyrie “della questione dell’incentivo del 2% dato ai dipendenti pubblici o alle strutture della Pubblica amministrazione che effettuano progettazione. E’ un chiaro elemento distorsivo del mercato della progettazione in termini di concorrenza e qualità. Sarebbe, invece, molto opportuno ed utile incentivare il lavoro dei tecnici della P.A. perché finalmente siano predisposti programmazioni e studi di fattibilità indispensabili per ogni buona opera pubblica”.

Gli obiettivi del nuovo codice appalti

 

Tra gli obiettivi del nuovo Codice appalti, figurano tra le atre cose, la riduzione significativa delle stazioni appaltanti e l’introduzione di nuovi tetti di spesa a cui gli enti dovranno conformarsi.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi