giovedì, Febbraio 22, 2024
0 Carrello
Urbanistica

Il nuovo Centre Pompidou di Malaga realizzato dall’italiana Italcementi

Il cemento trasparente di Italcementi è stato utilizzato per la realizzazione del 'Pop-Up Pompidou' di Malaga

2.11KVisite

La tecnologia Italcementi per il nuovo centre Pompidou di Malaga. Ci sono anche l’innovazione e il design italiano di Italcementi dentro la nuova sede del Centre Pompidou, inaugurata lo scorso 28 marzo a Malaga. Il cemento trasparente di Italcementi è infatti uno degli elementi caratterizzanti dell’edificio ideato dall’artista francese Daniel Buren e che caratterizzerà nei decenni a seguire lo skyline del porto della città spagnola.

Un “piccolo” riconoscimento all’elevata qualità dei prodotti italiani, e anche una dimostrazione di come le grandi imprese italiane possono ben figurare anche in un mercato complesso e variegato come quello delle costruzioni.

Questa è la prima volta che il celebre museo parigino autorizza la realizzazione di una propria struttura al di fuori dei confini nazionali.

Alla cerimonia di inaugurazione, hanno partecipato il premier spagnolo Marian Rajoy Brey, il ministro della cultura francese Fleur Pellerin, il sindaco di Malaga, Francisco de la Torre e il Presidente del Centro Pompidou, Alain Seban.

Italcementi, attraverso la società spagnola FyM, ha contribuito al progetto donando 250 metri quadrati di cemento trasparente sviluppato nel centro ricerche di  Italcementi, la stessa tecnologia utilizzata nel 2010 per realizzare il padiglione italiano all’Expo 2010 di Shangai.

“FyM, ha un rapporto molto stretto con la città di Malaga” Ha affermato Matteo Rozzanigo, dirigente della società spagnola “in più di un’occasione abbiamo fornito soluzioni innovative e assistenza tecnica sui materiali per la realizzazione di edifici come il centro civico in Calle Dos Aceras, La Caja Blanca, il Giardino Botanico La Concepcion e le corsie per gli autobus di Calle Hilera e Alameda Principal”

Intanto Italcementi può aggiungere un ulteriore riconoscimento internazionale. Dopo Shanghai e diverse altre realizzazioni, il cemento trasparente di Italcementi si conferma sempre di più una soluzione ideale per architetture di grande respiro. Inoltre la partecipazione italiana al progetto spagnolo conferma i buoni dati in arrivo negli ultimi mesi per quanto riguarda il mercato delle costruzioni e le imprese italiane all’estero.

 

La scelta di utilizzare i pannelli in cemento trasparente, è stata espressamente voluta dagli stessi progettisti cosi da consentire l’ingresso della luce naturale e permettere una buona visione delle opere esposte e una buona resa dei colori, caratteristica fondamentale per un museo che vuole definirsi moderno e funzionale. 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi