mercoledì, Maggio 29, 2024
0 Carrello
Professionisti

Non basta ancora il primo successo ottenuto per le Società tra Professionisti

Non basta ancora il primo successo ottenuto per le Società tra Professionisti: “Sulle reti d’impresa si muovano Governo e Parlamento.

1.73KVisite

Non basta ancora il primo successo ottenuto per le Società tra Professionisti.

“Sulle reti d’impresa si muovano Governo e Parlamento” cosi si è espresso il CNAPPC sostenendo che “ l’imperativo è quello di rimuovere tutti gli ostacoli che ancora impediscono ai professionisti di accedere alle opportunità e agli incentivi volti a favorire, cosa questa, oltretutto, sancita in sede comunitaria, lo sviluppo degli studi professionali e delle società tra professionisti che altro non sono che PMI della conoscenza e della competenza.”

Così il Consiglio Nazionale degli Architetti, Paesaggisti e Conservatori all’indomani della presa di posizione dell’Agenzia delle Entrate alla quale gli architetti italiani hanno sottoposto un interpello per sapere se sia applicabile anche ad un architetto la normativa sulle reti di impresa.

L’Agenzia ha specificato, infatti, che possono partecipare alle reti di impresa i professionisti iscritti al registro delle imprese, e quindi tutti i professionisti che hanno costituito una società tra professionisti, anche come società unipersonale o come società di persone, ma che è comunque necessario un intervento normativo per prevedere l’applicazione di incentivi fiscali ai professionisti riuniti, per l’appunto, in rete di impresa.

“La palla passa ora a Governo e Parlamento che hanno, così, l’occasione per dimostrare di voler davvero rimuovere una anacronistica discriminazione nei confronti dei professionisti italiani che ha la sua origine nel considerare le professioni intellettuali altra cosa rispetto alle forze economiche del Paese, quasi fossero estranee alle necessità di investimento per lo sviluppo”.

“La nostra richiesta sulle società tra professionisti, non è autoreferenziale, ma serve per togliere il freno alle potenzialità inespresse dell’economia italiana che ha necessità urgente di investire nell’economia della conoscenza e della competenza.”

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi