giovedì, Giugno 1, 2023
0 Carrello
Urbanistica

Nuova vita per la metropolitana di Londra

Lo studio di architettura Gensler ha presentato un progetto per trasformare i cunicoli in disuso della metropolitana di Londra in percorsi riservati a ciclisti e pedoni

2.1KVisite

Una pedalata tra i tunnel della metropolitana di Londra. A ideare il grande progetto di riqualificazione urbana che dovrà regalare una nuova vità alla storica metropolitana di Londra è stato lo studio di architettura Gensler.

Le carte degli architetti Gensler raccontano di una possibile pista ciclabile sotterranea, corredata di negozi, ristoranti e bar, dove sarebbe possibile accedere direttamente dagli ingressi delle varie stazioni della metropolitana di Londra.

 

 

 

Un innovativo progetto per la metropolitana di Londra

L’iniziativa di riqualificazione urbana che mira a dare una nuova vita alla metropolitana di Londra, segue la scia dei grandi lavori che sulla superficie stanno interessando la realizzazione della nuova bretella ferroviaria delle capitale inglese.

Lavori che stanno attirando a Londra, lavoratori da tutta Europa, generando un vero e proprio boom dei lavori edili.

Il progetto a firma Gensler permetterebbe di rispondere in modo creativo ed efficace all’esigenza di creare piste ciclabili sicure e meno affollate per gli amanti londinesi delle due ruote. E si collocherebbe, in qualche modo, in linea con gli ultimi provvedimenti dell’amministrazione comunale della metropoli: soltanto qualche giorno fa, infatti, il sindaco londinese Boris Johnson ha dato il via libera a un piano da 160 milioni di sterline che prevede la costruzione di due superstrade dedicate esclusivamente alle biciclette, che collegheranno la zona nord del centro cittadino con quella sud, e la zona ovest con quella est.

 

La metropolitana di Londra è la più antica rete metropolitana del mondo, la più estesa d’Europa e la seconda del mondo per estensione vantando ben 460 km di linea autonoma di cui il 45% costituito da gallerie sotterranee. Un record superato solamente dai 537,4 km del recente impianto asiatico di Seul.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi