sabato, Maggio 30, 2020
0 Carrello
Appalti

Padiglione emirati Arabi all’Expo 2020: il progetto di Santiago Calatrava

Padiglione Emirati Arabi. A seguito di un concorso di design di sette mesi (con proposte dei principali studi di architettura) è stata selezionata la proposta di Santiago Calatrava.

Scopriamo il padiglione degli emirati Arabi all’Expo 2020
649Visite

A seguito di un concorso di design di sette mesi con proposte dei principali studi di architettura del mondo, il National Media Council degli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) ha selezionato la proposta di Santiago Calatrava per il padiglione degli Emirati Arabi Uniti al Dubai World Expo 2020. La struttura, che siederà presso il cuore dell’area espositiva di quasi 500 acri e il cui design è ispirato a un falco in volo, sarà visto dai circa 25 milioni di visitatori e partecipanti che dovrebbero visitare l’Expo da ottobre 2020 ad aprile 2021.

“Sono profondamente onorato che la nostra azienda avrà l’opportunità di progettare il padiglione nazionale per Dubai Expo 2020, un progetto di rilevanza nazionale e globale”, ha affermato Calatrava. “Il progetto finale sarà un simbolo dello spirito audace e audace degli Emirati Arabi Uniti, riflesso in quella che è pronta per essere l’Expo più inclusivo e globale della storia.”

L’annuncio è stato fatto dopo un’intensa competizione di design supervisionata da Masdar, la compagnia di energia rinnovabile di Abu Dhabi, nella sua qualità di responsabile del programma di Expo. Nove dei più famosi studi di architettura del mondo hanno presentato 11 concetti; ogni progetto è stato valutato in base al modo in cui esprimeva il tema principale di Expo 2020, “Connettere le menti, creare il futuro”, indipendentemente dal fatto che avesse un distinto sentimento negli Emirati Arabi Uniti e se avesse trovato un giusto equilibrio tra passato e futuro del paese.

Una volta completato, il padiglione UAE progettato da Calatrava sarà di circa 15.000 metri quadrati (oltre 161.000 piedi quadrati) e includerà numerose aree espositive, un auditorium, punti di ristoro e sale VIP. Sarà progettato per soddisfare gli standard di edilizia sostenibile LEED Platinum.

“Il progetto proposto del Padiglione degli Emirati Arabi Uniti cattura la storia che vogliamo raccontare al mondo della nostra nazione”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio di Stato e del Consiglio nazionale dei media degli Emirati Arabi Uniti H.E. Dott. Sultan Ahmed Al Jaber. “Il nostro defunto padre, Sua Altezza, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan ha usato spedizioni di falconeria per stabilire connessioni tra tribù e creare un’identità nazionale distinta che alla fine ha portato alla fondazione degli Emirati Arabi Uniti. Ora, il design del falco simboleggerà il modo in cui stiamo collegando gli Emirati Arabi Uniti alle menti del mondo e come come comunità globale possiamo salire a nuovi livelli attraverso la partnership e la cooperazione. ”

“Il padiglione sarà una delle più grandi icone dell’Expo. Il progetto evocherà lo spirito pionieristico e il potere delle connessioni che hanno trasformato gli Emirati Arabi Uniti da una raccolta di piccole comunità del deserto, in un punto di connessione globale “, ha dichiarato il Ministro degli Stati Uniti per la cooperazione internazionale e il Direttore generale di Expo 2020 Dubai H.E. Reem Ebrahim Al Hashimy.

“Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti diventerà un’importante pietra miliare nel nostro sito e avrà un piano legacy che rifletterà le nostre speranze e ambizioni per i molti anni a venire.”

Il Dubai World Expo 2020 è un evento di sei mesi che mostra architettura, cultura globale e innovazione che riunirà partecipanti provenienti da 180 paesi e sei continenti. Comprenderà oltre 200 partecipanti, tra cui nazioni, organizzazioni multilaterali, società e istituzioni educative. Il tema dell’Expo di quest’anno, “Connettere le menti, creare il futuro”, sottolinea come il mondo moderno sia interconnesso e la necessità di generare soluzioni sostenibili ai problemi globali.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi