mercoledì, Agosto 12, 2020
0 Carrello
Edilizia

Sei modi in cui il COVID-19 potrebbe cambiare il design delle nostre città

Le pandemie del passato hanno cambiato il design delle città. Sei modi in cui il COVID-19 potrebbe fare lo stesso

Sei modi in cui il COVID potrebbe cambiare il design delle nostre città
582Visite

Sebbene le pandemie siano state a lungo un tragico flagello per le nostre città, hanno anche costretto l’architettura e la pianificazione urbana a evolversi. La peste bubbonica, che spazzò via almeno un terzo della popolazione europea nel 14 ° secolo, contribuì a ispirare i radicali miglioramenti urbani del Rinascimento. Le città svuotarono i quartieri abitati squallidi e angusti, ampliarono i loro confini, svilupparono strutture per la quarantena, aprirono spazi pubblici più grandi e meno ingombranti e dispiegarono professionisti con competenze specializzate, dai geometri agli architetti. È chiaro che il coronavirus avrà – e sta già avendo – un effetto altrettanto profondo sul mondo costruito di oggi.

Sei modi in cui il COVID-19 potrebbe cambiare il design delle nostre città

  • Costruzione modulare

Man mano che la pandemia è cresciuta, la necessità più urgente in architettura è stata la velocità: la rapida creazione di strutture di emergenza come ospedali, centri di quarantena, siti di test e alloggi temporanei. Questa richiesta ha suscitato una risposta schiacciante, in gran parte impiegando tecniche costruttive non sempre standard.

Un buon esempio è la costruzione modulare: prefabbricazione di componenti standardizzati in una fabbrica, quindi assemblaggio rapido in loco. È stato a lungo pubblicizzato come un’alternativa veloce, flessibile e meno dispendiosa all’edilizia tradizionale.

Il tempo normale per costruire un ospedale è di oltre due anni, ma a febbraio i costruttori di Wuhan, in Cina, epicentro della pandemia, hanno utilizzato la costruzione modulare per costruire due ospedali: la struttura Huoshenshan da 1.000 posti letto e l’ospedale Leishenshan da 1.600 letti – in circa due settimane. Le strutture, create da migliaia di lavoratori e allestite con infrastrutture mediche avanzate, sono state realizzate con pannelli prefabbricati collocati in scheletri di acciaio sopra fondamenta di cemento.

  • Riuso urbano

Al centro dell’attenzione è anche l’uso di edifici esistenti per scopi di nuova rilevanza. Sempre più popolare prima di COVID-19, il riuso urbano è considerato un approccio sensibile e sostenibile per le nostre città che invecchiano. E sta dimostrando di essere il modo più efficiente per creare strutture di emergenza. Alcuni esempi? Il Javits Center di New York è diventato un ospedale di 2.900 posti letto, il New Orleans Convention Center è una struttura da 3.000 posti letto e il McCormick Place di Chicago sta diventando un complesso da 3.000 posti letto.

  • Architettura leggera

Nella risposta alle catastrofi, la struttura in tessuto leggero è spesso preferibile per la sua velocità e portabilità. In Corea del Sud i progettisti hanno sviluppato un sistema di centri di test drive-through simili a tende che sono stati emulati in tutto il mondo. Attingendo alla sua esperienza con virus come la SARS e ispirato al fast food drive-thru, i progettisti hanno sviluppato un kit che è stato distribuito in oltre 600 località nel giro di poche settimane.

  • L’edificio sano: healthy building design

Pensa a lucernari, grandi finestre, terrazze sul tetto, balconi e cortili. Gli spazi per l’esercizio e la meditazione potrebbero diventare standard insieme agli home office. Lo strumento di costruzione salutare più prezioso durante l’epidemia di COVID-19 è stata la ventilazione avanzata, in particolare negli ospedali. Queste tecnologie includono la pressione dell’aria negativa (che impedisce ai patogeni di diffondersi ad altre parti di un ospedale), ventilazione di spostamento (in cui l’aria più fresca entra dal basso e solleva i contaminanti), ventilazione di aria pulita (che porta aria fresca, anziché ricircolare l’aria esistente ) e vari sistemi di filtrazione e umidità.

Questi tipi di tecniche diventeranno probabilmente standard negli ospedali dopo la pandemia, ma potrebbero espandersi ovunque le persone si riuniscano, come case, uffici, fabbriche, magazzini e scuole.

  • Fondo di soccorso per artisti

La familiarità forzata con le teleconferenze e altre tecnologie cambierà il modo in cui andiamo a lavorare, consultare il medico o cercare intrattenimento.

  • Telelavoro e vita nelle piccole città

La comunicazione a distanza potrebbe portare grandi cambiamenti nelle città e nei sobborghi. Il risparmio di tempo derivante dal non pendolarismo da casa, la maggiore familiarità con la telemedicina e l’apprendimento a distanza, la convenienza dello shopping online e la connessione culturale dell’intrattenimento online (visite ai musei virtuali, streaming live di concerti, teatro registrato): tutto ciò potrebbe cambiare il nostro modo di vivere.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi