sabato, Settembre 24, 2022
0 Carrello
Attualità

Tecnologia evoluta e cura sartoriale per le facciate del cantiere Rossini create da Nieder

Cuore del Cantiere Rossini è il maestoso edificio “Paint Shed”, adibito proprio alla ripitturazione delle imbarcazioni e formato da due imponenti strutture speculari.

Tecnologia evoluta e cura sartoriale per le facciate del cantiere Rossini create da Nieder
157Visite

Tecnologia evoluta e cura sartoriale per le facciate del cantiere Rossini create da Nieder

  • Tipologia: Nuove realizzazioni, cantiere navale 
  • Ubicazione: Pesaro 
  • Anno di realizzazione: 2020-2021
  • Intervento: Realizzazione facciate e coperture in metallo 
  • Edificio: Paint Shed (capannoni refitting yacht) e palazzina uffici
  • Sistemi facciata e rivestimenti: “Squalo” e “Wavin Design” by Nieder Srl 
  • Progettazione parametrica Squalo: Nieder Srl con Indexlab 
  • Committente: Lisa Group – Cantiere Rossini 
  • Engineering e Project Management: 24U Srl 
  • Posa rivestimenti: Nieder Srl 
  • Squalo: il rivestimento per facciate “custom made”

L’originalità e la sartorialità di una realizzazione sono ciò che più colpisce ed emoziona lo spettatore, insieme alla capacità di un’architettura di saper leggere e interpretare un contesto urbano o paesaggistico, armonizzando il linguaggio formale in una espressione funzionale coerente e significativa.

Nieder, azienda specializzata in sistemi per coperture e facciate metalliche, ha saputo raggiungere questo ambìto risultato realizzando, in collaborazione con Indexlab, il rivestimento delle facciate del nuovo cantiere navale Rossini di Pesaro, interpretando le richieste della Società di Ingegneria 24U, progettisti del manufatto architettonico dal carattere emergente e inedito, con un’estetica che cattura l’attenzione ma al tempo stesso si integra perfettamente nell’intorno, in continuo dialogo con i colori del cielo e del mare che lo circondano.

Il progetto di riqualificazione del Cantiere navale Rossini, nell’area portuale di Pesaro, ha interessato un’area di grandi dimensioni, con la realizzazione di una struttura imponente pensata per la manutenzione e refitting di grandi yacht – fino a 60 metri – affacciata su un piazzale di 15.000 mq, con 12 posti barca lungo la banchina. 

Cuore del Cantiere Rossini è il maestoso edificio “Paint Shed”, adibito proprio alla ripitturazione delle imbarcazioni e formato da due imponenti strutture speculari, che richiamano con la loro forma curva e allungata la pinna di uno squalo. E da questo richiamo evocativo ha preso il nome il sistema di rivestimento personalizzato per facciata “SQUALO”, progettato, prodotto e posato dall’azienda valtellinese Nieder. 

Creatività e innovazione

L’idea vincente che ha risposto perfettamente ai desideri della committenza Lisa Group – guidata dall’AD Stewart Parvin – e dei progettisti della Società di Ingegneria 24U Srl – con a capo l’Ing. Luca Milanesi – specializzata in servizi di ingegneria integrata e project management per interventi di alto livello, era proprio quello di creare un rivestimento di facciata dal carattere sartoriale, cucito addosso all’involucro e interpretato con creatività e artigianalità, senza rinunciare alla perfezione geometrica di ogni particolare.

Il rivestimento di facciata concepito dalla Nieder, grazie a una stretta collaborazione con il centro di ricerca Indexlab del Politecnico di Milano, è frutto di un percorso elaborato ed estremamente specializzato, che parte da una progettazione algoritmica, passando da una fase di prototipazione e prove di assemblaggio artigianali, per arrivare alla creazione di un’architettura parametrica di altissima qualità tecnologica ed elevata espressività estetica.

Il risultato è un rivestimento composto da oltre 5.700 elementi in alluminio, lavorati con tecnologie di taglio laser e una elaborazione parametrica a creare superfici in doppia curvatura che da bidimensionale diventa tridimensionale. Tutti gli elementi, creati utilizzando la programmazione computazionale, risultano tutti diversi gli uni dagli altri, poiché per ciascuno vengono modificati i parametri che ne regolano la posizione e la forma nello spazio, consentendo di adeguarsi alla curvatura della struttura in legno e in continuità formale con gli elementi contigui.

I pannelli metallici, creati utilizzando i nastri in alluminio di alta qualità dell’azienda austriaca PREFA nei colori marini “Taubenblau” e “Bianco Prefa”, sono stati predisposti e preformati nella sede dell’azienda Nieder in provincia di Sondrio, numerati e spediti a Pesaro dove sono stati poi piegati e assemblati direttamente in cantiere con macchinari appositi, poi posati dai mastri lattonieri – dopo la scansione con il laser scanner e il tracciamento con una stazione robotica per l’individuazione  (vedi foto) dei punti esatti per la posa di ciascun pannello –  sugli 8.200 m2 delle due ali dell’edificio Paint Shed. La sottostruttura su cui è posato il rivestimento è costituita da un imponente involucro di legno dell’azienda Xlam Domiti.

La facciata è caratterizzata da un’aggraffatura singola e doppia, mentre a livello estetico la forma allungata dei pannelli e la combinazione sinergica dei due colori, blu e bianco, creano un effetto squamato così naturale e delicato che ben si amalgama con il paesaggio marino in cui il grande edificio si specchia.

Una nota di colore a filo d’acqua

Una nota accentata è invece conferita dal particolare rivestimento tridimensionale Wavin Design del corpo scale esterno, posto vicino all’ingresso dell’hangar e riproposto quale elemento di continuità anche nell’edificio della palazzina uffici, caratterizzato da un suggestivo colore rosso.

Anche questo rivestimento di facciata, progettato, realizzato e installato dall’azienda Nieder, colpisce per la dinamicità strutturale e l’ipnotica continuità delle curve, come le spire di un serpente che avvolge l’involucro con il suo fascino incantevole. 

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi