sabato, Maggio 30, 2020
0 Carrello
Professionisti

8 donne architetto che hanno modellato la storia dell’architettura

Unione Architetti, in occasione della settimana della donna vi presenta una breve lista di architette donne che hanno segnato la storia e il mondo dell’architettura.

8 donne architetto che hanno segnato la storia dell'architettura
281Visite

In un lungo articolo pubblicato sul New York Times alcuni anni fa Allison Arieff si interrogava sul panorama degli architetti donna. L’articolo lamentava una certa pochezza di attenzione da parte della stampa sul tema. Unione Architetti, in occasione della settimana della donna vi presenta una breve lista di architette donne che hanno segnato la storia e il mondo dell’architettura.

8 donne architetti che hanno modellato la storia dell’architettura

  • Judith Edelman

Judith Edelman, morta all’età di 91 anni nel 2014, era una femminista, un’attivista sociale e un’architetta. Una forza da non sottovalutare, fu chiamata “Dragon Lady” dai suoi colleghi dell’American Institute of Architects (AIA). Quando arrivò alla Columbia University nel 1942, fu delusa dal fatto che l’architettura classica fosse ancora al centro del curriculum e sconvolta dal sessismo che incontrò dai suoi professori. Edelman ha guidato una ribellione che ha portato all’apprendimento di più architettura modernista. Ha fatto una carriera nel restauro di edifici storici e nella progettazione di alloggi a prezzi accessibili. Nel 1990 lei e suo marito Harold hanno ricevuto il Andrew A Thomas Pioneer in Housing Award dell’AIA Chapter di New York. È diventata la prima donna ad essere eletta nel Consiglio di amministrazione del capitolo AIA di New York ed è stata membro fondatore dell’Alleanza delle donne in architettura nel 1972.

  • Kazuyo Sejima

L’architetto giapponese con il suo partner Ryue Nishizawa della società con sede a Tokyo SANAA è diventata famosa con i suoi progetti architettonici, molti per i musei di arte contemporanea: 21st Century Museum of Contemporary Art, Kanazawa, Ishikawa, Giappone (2004); Glass Museum, Toledo Museum of Art, Toledo, Ohio (2006); New Museum of Contemporary Art, New York City (2007); e il Louvre Lens, un annesso al museo di Parigi nel nord della Francia (2012), per citarne alcuni. Sejima ha vinto numerosi premi, tra cui il Pritzker Prize nel 2010.

  • Jane Drew

Architetto modernista britannico ha lasciato il segno nel suo paese e in Africa, in Medio Oriente, in India e in Sri Lanka. Il suo progetto più famoso fu lo sviluppo di Chandigarh, la nuova capitale del Punjab, in India, nel 1951. Lavorò al fianco di Le Corbusier, di suo marito e socio Maxwell Fry e di Pierre Jeanneret per creare una città moderna partendo da zero. Lei e Fry si sono concentrati sulla progettazione di alloggi convenienti e pratici.

  • Denise Scott Brown

Una figura formidabile nel campo dell’architettura, Denise Scott Brown ha un impressionante elenco di risultati come architetto, teorico ed educatore. Spesso messa in ombra da suo marito, Robert Venturi, Scott Brown ha fatto notizia quando è stata esclusa dal Premio Pritzker assegnato a Venturi nel 1991. Attraverso i loro scritti e i loro progetti costruttivi, lei e suo marito sono stati pionieri nell’allontanarsi da strutture moderniste in vetro e acciaio, favorendo invece l’uso di ornamenti e riferimenti storici.

  • Sophia Hayden

Hayden fu la prima donna ad essere accettata e a diplomarsi al prestigioso programma di architettura del MIT (1890). Nonostante le sue credenziali, ha avuto difficoltà a trovare lavoro una volta laureata. La sua grande occasione arrivò quando il suo progetto fu scelto per l’edificio femminile dell’Esposizione colombiana del mondo a Chicago nel 1893. Sfortunatamente, si ritirò dal campo dell’architettura dominata dai maschi dopo aver subito un trattamento ingiusto durante la costruzione dell’edificio e quando vide il suo straordinario risultato abbattuto dopo la fiera.

  • Jeanne Gang

Jeanne Gang è costantemente salita in cima al suo campo da quando la sua azienda ha aperto i battenti nel 1997. È diventata un nome familiare con l’aggiunta dell’Aqua Tower (2010) allo skyline di Chicago. Lei e Studio Gang hanno vinto numerosi premi e sono stati oggetto di una mostra personale presso l’Art Institute di Chicago nel 2012. Alcuni dei suoi lavori più importanti includono il SOS Lavezzorio Community Center (2008), il Nature Boardwalk al Lincoln Park Zoo (2010) e il WMS Boathouse a Clark Park (2013), tutti a Chicago.

  • Zaha Hadid

L’architetto più famoso della lista, Zaha Hadid è stata la prima donna a vincere il Premio Pritzker (2004). Oltre a quell’onore, la sua grande personalità e i suoi audaci disegni hanno dimostrato che poteva affermarsi in un campo (all’epoca) ancora dominato dagli uomini. I suoi edifici sono distinti e incorporano asimmetria, fluidità e colpi di scena inaspettati. Alcuni dei suoi lavori premiati includono il National Center for Contemporary Arts di Roma (2010), Evelyn Grace Academy, Londra (2011) e Heydar Aliyev Center, Baku, Azerbaijan (2012).

  • Lina Bo Bardi

Architetto modernista, Bo Bardi ha svolto gran parte del suo lavoro nella sua casa adottiva in Brasile. Era una prolifica designer di edifici, gioielli e mobili. Ha dedicato il lavoro della sua vita alla creazione di un’architettura veramente brasiliana. I bisogni e le abitudini degli abitanti dei suoi edifici erano fondamentali per la sua etica del design. Ha vissuto e progettato edifici nelle regioni povere del Brasile e ha messo i suoi sforzi per la conservazione dei quartieri storici. Il suo Museo d’Arte di San Paolo (1968) e l’edificio del Servizio sociale per l’edilizia commerciale – Pompéia, San Paolo (costruito a tappe, 1977-1986) sono oggi delle icone della città.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi