lunedì, Aprile 15, 2024
0 Carrello
Professionisti

Architetto giardino e aree verdi: figura e mansione di un bravo paesaggista

Architetti giardino e aree verdi: professionalità, caratteristiche e mansioni di un bravo architetto paesaggista.

Architetto giardino e aree verdi: figura e mansione di un bravo paesaggista
190Visite

L’architetto paesaggista, o architett del giardino, è un professionista specializzato nella progettazione di spazi verdi, che armonizzano con l’ambiente circostante e rispondono a esigenze funzionali, estetiche e ambientali. Il suo lavoro si svolge attraverso diverse fasi, dalla concezione all’attuazione del progetto, e può riguardare sia spazi pubblici che privati, in contesti urbani o rurali. Vediamo in dettaglio le fasi della progettazione e gli aspetti chiave del suo lavoro.

  1. Ruolo delle Piante e della Vegetazione
  2. Obiettivi della Progettazione di Giardini
  3. Architetto Paesaggista: Chi è e Cosa Fa
  4. Processo di progettazione
  5. Come si progetta un giardino? Le fasi da seguire
  6. Quanto costa progettare e realizzare un giardino?
  7. Sei un architetto? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Architetti giardino e aree verdi: professionalità, caratteristiche e mansioni di un bravo architetto paesaggista.

La progettazione di giardini e aree verdi è un’arte che combina estetica, funzionalità e ecologia per creare spazi che migliorano l’ambiente urbano e la vita delle persone. Questi spazi, sia pubblici che privati, non solo abbelliscono l’ambiente circostante ma giocano un ruolo cruciale nel migliorare la qualità dell’aria, regolare il clima locale e promuovere il benessere psicofisico degli individui.

Ruolo delle piante e della vegetazione

Le piante sono elementi fondamentali nel design paesaggistico per il loro impatto positivo sull’ambiente. Esse contribuiscono a filtrare l’aria, ridurre i livelli di CO2, moderare la temperatura, incrementare l’umidità e supportare la biodiversità. Un’attenta selezione delle specie vegetali può anche contribuire alla riduzione dell’erosione del suolo e alla gestione delle acque piovane.

Obiettivi della progettazione di giardini

Un giardino può servire diversi scopi, da quelli puramente estetici a quelli funzionali come aree di riposo, spazi per il gioco dei bambini o orti urbani. La definizione chiara degli obiettivi è fondamentale nella fase iniziale di progettazione per assicurare che lo spazio risponda alle esigenze degli utenti e si integri armoniosamente con il contesto circostante.

Architetto Paesaggista: chi è e cosa fa

L’architetto paesaggista è il professionista specializzato nella creazione, progettazione e gestione di spazi verdi. Grazie a una formazione che incrocia conoscenze di botanica, ecologia, architettura e design, questo esperto è in grado di lavorare a vari livelli di intervento, dalla progettazione di piccoli giardini privati alla pianificazione di ampi spazi pubblici e aree naturali protette. Il suo compito è quello di trovare il giusto equilibrio tra le esigenze umane e il rispetto dell’ambiente naturale.

Processo di progettazione

  • Analisi e pianificazione iniziale: valutazione del sito, comprensione delle esigenze del cliente e definizione degli obiettivi.
  • Sviluppo del concept: creazione di un’idea guida che informerà tutti gli aspetti del design.
  • Progettazione dettagliata: definizione delle specie vegetali, dei materiali da costruzione, degli elementi architettonici e delle infrastrutture.
  • Realizzazione: fase in cui il progetto prende vita attraverso la costruzione e la piantumazione.
  • Manutenzione: definizione di un piano per il mantenimento a lungo termine dello spazio verde, assicurando che rimanga bello e funzionale negli anni.

Come si progetta un giardino? Le fasi da seguire

La progettazione di un giardino ad opera di un architetto paesaggista è un processo complesso e articolato che mira a creare spazi esterni in armonia con l’ambiente circostante e le esigenze umane. Ecco le fasi fondamentali di questo processo:

  • Sopralluogo e incontro iniziale: l’architetto incontra il cliente per comprendere le sue esigenze e desideri e per effettuare un sopralluogo dell’area da progettare. Questo passaggio è cruciale per acquisire una comprensione profonda del contesto e delle aspettative del cliente.
  • Analisi del sito: vengono studiate le caratteristiche fisiche del luogo, come l’esposizione solare, il tipo di suolo, la presenza di elementi esistenti (alberi, strutture, ecc.), e le condizioni climatiche. Questa fase è fondamentale per garantire che il progetto sia sostenibile e ben integrato con l’ambiente naturale.
  • Sviluppo delle idee preliminari: basandosi sull’analisi effettuata, l’architetto elabora le prime idee progettuali, riflettendo su forme, colori, volumi, materiali, profumi e arredi, e presenta al cliente un progetto preliminare attraverso disegni, planimetrie e fotoinserimenti.
  • Definizione del progetto: dopo aver discusso le idee preliminari con il cliente e aver raccolto feedback, l’architetto procede con la definizione del progetto definitivo. Questa fase include la selezione dettagliata degli arredi, dell’illuminazione, delle pavimentazioni, dei materiali, del sistema di irrigazione e delle piante, in modo da garantire coerenza estetica e funzionale.
  • Progetto esecutivo: con il progetto definitivo approvato, l’architetto prepara i disegni tecnici e i rendering finali che illustrano in dettaglio tutte le componenti del giardino. In questa fase, vengono definiti i dettagli costruttivi e realizzato un computo metrico che serve come preventivo dettagliato per il committente.
  • Direzione dei lavori: durante la fase di realizzazione, l’architetto paesaggista supervisiona i lavori per assicurarsi che il progetto venga eseguito secondo le specifiche concordate, coordinando le diverse maestranze coinvolte, come giardinieri, costruttori ed elettricisti.

Questo iter mostra l’importanza del ruolo dell’architetto paesaggista non solo come progettista ma anche come coordinatore e supervisore, garantendo che il giardino non solo sia esteticamente gradevole e funzionale, ma anche sostenibile e in armonia con il contesto e le esigenze del cliente.

Quanto costa progettare e realizzare un giardino?

Il costo della progettazione di un giardino è influenzato da molti fattori, rendendo la definizione di un prezzo standard piuttosto complessa. Le variabili principali che incidono sul costo finale includono le dimensioni dello spazio da progettare, la scelta delle piante (specie autoctone rispetto a specie esotiche rare possono avere costi molto diversi), il tipo di materiali e accessori selezionati (come pavimentazioni speciali, sistemi di illuminazione sofisticati, fontane o strutture per il gioco), oltre ai tempi e alla manodopera necessari per la realizzazione del progetto.

La complessità del disegno del giardino stesso è un altro fattore rilevante: un progetto più semplice e lineare richiederà meno tempo nella fase di progettazione e meno lavoro per la sua realizzazione, rispetto a un progetto altamente personalizzato e complesso che prevede, ad esempio, la creazione di percorsi, zone ombreggiate, sistemi di irrigazione su misura e varie zone funzionali (come aree relax, spazi per il gioco, orti).

Sei un architetto? La tua professione richiede un aggiornamento continuo?

Unione Professionisti ti dà la possibilità di progettare e completare il tuo percorso di studi, proponendoti tutti i suoi corsi, sviluppati in modalità FAD asincrona, accreditati presso il CNAPPC.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi