venerdì, ottobre 19, 2018
0 Carrello
Appalti

Il Governo impugna la nuova legge della Sardegna sugli appalti pubblici

Impugnata davanti alla Consulta la legge n. 8 del 13 marzo 2018 in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Il Governo impugna la legge sarda sugli appalti pubblici
380Visite

Il Consiglio dei Ministri n. 82 di oggi 8 maggio 2018 ha deliberato di impugnare dinanzi alla Corte costituzionale la legge della Regione Sardegna n. 8 del 13 marzo 2018, recante “Nuove norme in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture”.

Secondo il Governo, alcune norme di questa legge regionale, riguardanti le gare d’appalto e gli interventi da realizzarsi mediante contratti pubblici, “eccedono dalle competenze attribuite alla Regione dallo Statuto speciale di autonomia e invadono la competenza riservata allo Stato, in materia di tutela della concorrenza e di ordinamento civile, dall’art. 117, secondo comma, lettere e) ed l), della Costituzione”.

Ricordiamo che la legge sarda n. 8 del 13 marzo 2018 prevede il riordino delle funzioni dell’Ossevatorio regionale dei contratti pubblici, il piano triennale per acquisti “verdi”, la riqualificazione del responsabile unico del procedimento inteso come project manager – figura quindi centrale con capacità non solo tecniche ma anche organizzative e propositive, la qualificazione delle stazioni appaltanti.

La legge regionale per la prima volta introduce il concetto di qualità architettonica delle opere pubbliche e punta a supportare le piccole imprese e a snellire l’attuazione delle opere pubbliche.

Altra novità della legge è l’introduzione di una società di progettazione per dare risposta a una carenza acclarata degli uffici tecnici regionali e per dare la possibilità, anche con una più attenta attività di esternalizzazione dei servizi di ingegneria e architettura, di accedere in modo più tempestivo a risorse finanziare nazionali e comunitarie per le opere di interesse strategico per la regione.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi