martedì, Luglio 5, 2022
0 Carrello
Eventi

Insostenibile: nove film, cinque temi, un mese di cinema e ambiente

Insostenibile: nove film, cinque temi, un mese di cinema e ambiente.Una rassegna cinematografica ideata e curata dall’associazione di promozione sociale 24FPS.

Insostenibile: nove film, cinque temi, un mese di cinema e ambiente.Una rassegna cinematografica ideata e curata dall’associazione di promozione sociale 24FPS.
302Visite

Insostenibile è una rassegna cinematografica ideata e curata dall’associazione di promozione sociale 24FPS con il contributo di Fondazione Cariparma, il patrocinio dell’Università di Parma, la collaborazione con il Comune di Montechiarugolo e di Borgotaro, l’Ordine degli Architetti Ppc di Parma, la partecipazione di sponsor come Opem, Podere Stuard e la partnership di molteplici interlocutori (Wwf, Cai, Legambiente, Ada Centro Etica Ambientale tra i tanti) che hanno creduto nel progetto.

Anteprima DOMENICA 5 GIUGNO

Ore 21.00, Cinema Astra d’essai di Parma, proiezione di “Once you Know” di Emmanuel Cappellin (FRA, 2020, 104’ | v/o sub. ita). 

Biglietto 5€.

VENERDÌ 10 GIUGNO

Ore 17.00, Orto Botanico di Parma, inaugurazione mostra MORFOGENESI di Achille Ascani e Giovanni Nicoli e proiezione di “The Botanist”di Maude Plante-Husaruk e Maxime Lacoste-Lebuis (CAN/TJ, 2016, 20’ | v/o sub. ita). 

Alle ore 21.00 al Cinema d’Azeglio: “Le Mani sul Fiume” di Giulia Paltrinieri (ITA, 2017, 16’) e “Terre Emerse” di Caterina Erica Shanta (ITA, 2021, 38’). Proiezioni alla presenza delle autrici. 

Biglietto unico 5€.

VENERDÌ 17 GIUGNO

Ore 21.30, Cinema Astra, proiezione di “Journey to Utopia” di Erlend E. Mo (DK, 2020, 89’ | v/o sub. ita).

Biglietto 5€.

SABATO 18 GIUGNO

Pian del Monte, Tiedoli (Borgo Val di Taro)

Al mattino e al pomeriggio escursioni, attività e laboratori in Appennino insieme a ospiti, guide e  associazioni. 

Pranzo e cena a cura di Bosco Facile: cucina genuina e sostenibile della Valtaro, della Valceno e della Lunigiana.

Ore 21.30, proiezione nel castagneto alla presenza dell’autore de “Il Contatto” di Andrea Dalpian (ITA, 2021, 71’). A seguire concerto live di Dan Cavalca. (Ingresso gratuito) 

VENERDÌ 24 GIUGNO

Ore 17 visita guidata in bicicletta nel quartiere Eurosia di Parma insieme a Musei Urbani e alla Picasso Food Forest (gratuito, info e prenotazioni info@museiurbani.it). 

Ore 21.30, Cinema Astra, proiezione alla presenza dell’autrice di “La Ville Engloutie” di Anna de Manincor Manincor (ITA/FRA, 2016, 64’ | v/o sub. ita). 

Biglietto 5€.

GIOVEDÌ 30 GIUGNO

Ore 21.30, nella zona relax dell’Azienda OPEM di Parma, proiezione di “The Price of Progress” di Victor Luengo (ES, 2019, 56’ | v/o sub. ita). Anteprima nazionale.

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria Whatsapp/sms al numero 349 1195644.

VENERDÌ 8 LUGLIO

Ore 18, visita guidata al Podere Stuard e, a seguire, apertitivo a cura del Bioagriturismo. 

Alle 21.30 proiezione del documentario “La Restanza” di Alessandra Coppola (ITA, 2021, 52’), alla presenza dell’autrice. Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria Whatsapp/sms al numero 349 1195644. Al termine assegnazione del premio “miglior film di Insostenibile” da parte della giuria giovani del Green Team Romagnosi.

Per ogni altro approfondimento sul programma www.24fps.it

SINOSSI FILM

Once You Know di Emmanuel Cappellin (FRA, 2020, 104’ | v/o sub. ita)

Selezionato in oltre 45 festival, vincitore del premio della giuria all’Hong Kong International Film Festival nel 2021, con “Once you Know” Emmanuel Cappellin compie un viaggio in cerca di di risposte, incontra climatologi, scienziati (Pablo Servigne, Jean-Marc Jancovici e Richard Heinberg), raccoglie esperienze di democrazia locale, iniziative comunitarie e ribelli, alla ricerca coraggiosa di una soluzione collettiva alla crisi climatica e ambientale. Il regista al termine della proiezione si connetterà online per dialogare con il pubblico. 

The Botanist di Maude Plante-Husaruk e Maxime Lacoste-Lebuis (CAN/TJ, 2016, 20’ | v/o sub. ita)

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il Tagikistan è stato sconvolto da una lunga e devastante guerra civile. Raïmberdi è un botanico che, in seguito alla guerra, ha perso tutto e si è trasferito con la sua famiglia sulle brulle montagne del Pamir costruendo un piccolo riparo autosufficiente. Nei momenti liberi cataloga rare specie di piante con la sua splendida calligrafia. 

Le mani sul fiume di Giulia Paltrinieri (ITA, 2017, 16’)

Un documentario di inchiesta che parla del business delle cave di sabbia e dello smaltimento illegale di rifiuti lungo le sponde del fiume Po, tra organizzazioni criminali e danni ambientali.

Terre Emerse di Caterina Erica Shanta (ITA, 2021, 38’)

La storia di un viaggio su strada, un racconto che dal mare ripercorre la storia delle aree tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. Antonio, architetto e studioso, ricerca coloro che abitano le periferie in zone soggette ad alluvioni e tempeste marine. 

Journey to Utopia di Erlend E. Mo (DK, 2020, 89′ | v.o. sub. ita)

Erlend Mo, sua moglie e i loro tre figli vivono una vita perfetta in una fattoria idilliaca in Norvegia. La loro preoccupazione per i cambiamenti climatici li spinge ad abbandonare questo luogo per trasferirsi a ‘Permatopia’ in Danimarca, una piccola comunità di cittadini ad impatto zero, una sorta di comune energeticamente autosufficiente. Un film commovente e onesto su una famiglia che dubita, prova, un vero cambiamento.

Il Contatto di Andrea Dalpian (ITA, 2021, 71’)

Il Contatto racconta il viaggio emotivo di due lupi, arrivati pochi giorni dopo la nascita in un centro di recupero di fauna selvatica (Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica – Monte Adone ODV). Non esiste una voce narrante, la presenza umana rimane sullo sfondo, nessuna spiegazione di quello che sta succedendo. Lo spettatore viene portato oltre il classico schema del film naturalistico, ponendo domande sul comune sentire rispetto al salvataggio degli animali selvatici. 

La Ville Engloutie di Anna de Manincor (ITA/FRA, 2016, 64’ | v.o. sub ita)

Chalon-sur-Saône, una sinking city, è una città che affonda e si restringe dopo la scomparsa dei cantieri navali e delle grosse industrie che la caratterizzavano in passato. Un documentario di creazione collettiva e originale che proietta visioni, paure e desideri su una città immaginaria e distopica. Ritratti di piccole aree: quartieri, piazze, bar, panchine… raccontate tramite gli occhi dei residenti.  

The Price of Progress di Victor Luengo (ES, 2019, 56’ | v.o. sub ita)

Il progresso comporta dei rischi? Fino a che punto? Il film esplora il contesto politico e i dibattiti che convergono sul tema della salute e dell’ambiente, in particolare sulla creazione degli OGM e sull’uso di sostanze chimiche nell’agricoltura. The Price Of Progress da voce ad attivisti, ricercatori internazionali, politici e relatori di aziende agroalimentari. Un mosaico di opinioni che evidenziano e suggeriscono non solo l’entità della sfida in cui ci troviamo ora, ma il prezzo per risolverla o, nel caso contrario, ignorarla. 

La Restanza di Alessandra Coppola (ITA, 2021, 52’)

“La Restanza” è ambientato in Puglia, a Castiglione d’Otranto, una terra che ha visto i suoi villaggi spopolarsi e le sue campagne morire d’abbandono. Un gruppo di giovani rifiuta di abbracciare la migrazione e decide di restare, legando il proprio destino alla terra. 

Investono su un unico importante valore: lo stare insieme, loro restano, costruiscono una comunità, sviluppano un’economia locale. Castiglione diventa il luogo della restanza, in cui si accettano le ombre del passato e si riscopre un’altra potenzialità del luogo. 

Per informazioni www.24fps.it / info@24fps.it / social @24fps.obiettivocinema / #insostenibile2022

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi