venerdì, Febbraio 3, 2023
0 Carrello
Sicurezza sul lavoro

Normative in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. Il D.Lgs. 81/2008

Normative in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. L’importanza del Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008).

Normative in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. Il D.Lgs. 81/2008
115Visite

Normative in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia, il D.Lgs.81/2008. In molte nazioni esistono normative specifiche per la sicurezza sul posto di lavoro. In generale, queste normative stabiliscono i requisiti per garantire un ambiente di lavoro sicuro e sano per i lavoratori.

Normative in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. L’importanza del Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008).

In questo articolo:

  1. Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008).
  2. Cosa contiene il testo unico della sicurezza?
  3. Da quanti articoli è composto il testo del d.lgs. 81/08
  4. Obblighi in capo al datore di lavoro.
  5. Obbligo nomina responsabile del servizio di prevenzione e protezione.
  6. Migliora la tua conoscenza della normativa in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. Il D.Lgs. 81/2008.

In Italia, la sicurezza sul posto di lavoro è regolamentata dalla normativa in materia di sicurezza sul lavoro, che è stabilita dal Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs.81/2008). Questa normativa stabilisce le responsabilità del datore di lavoro e del lavoratore per garantire un ambiente di lavoro sicuro e salubre. Includono le misure da adottare per prevenire gli infortuni e le malattie professionali, le disposizioni per la formazione dei lavoratori, e gli obblighi per la valutazione dei rischi e la gestione delle emergenze.

Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008).

Il Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs.81/2008), comunemente noto come il “Testo Unico” o il “D.Lgs. 81/2008”, è la normativa principale in Italia che stabilisce le responsabilità e i doveri del datore di lavoro e del lavoratore per garantire un ambiente di lavoro sicuro e salubre. Il Testo Unico sostituisce tutte le leggi precedenti in materia di sicurezza sul lavoro e definisce le misure minime da adottare per prevenire gli infortuni e le malattie professionali.

Cosa contiene il testo unico della sicurezza?

Il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs.81/2008) stabilisce le disposizioni per la salute e la sicurezza dei lavoratori durante l’esecuzione del lavoro. Contiene le norme per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, la valutazione dei rischi, le disposizioni per la formazione, informazione e consultazione dei lavoratori, i controlli e sanzioni per le violazioni delle norme.

Il Testo unico comprende anche la normativa per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, le disposizioni per la sicurezza nei luoghi di lavoro con particolari rischi (es. lavori in quota, lavori con sostanze pericolose) e per la sicurezza degli appalti.

Inoltre, il Testo unico prevede la nomina di un responsabile per la sicurezza e la salute dei lavoratori, compiti e responsabilità del datore di lavoro, del dirigente e del preposto.

In sintesi il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/08) vuole garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori durante l’esecuzione del loro lavoro attraverso una serie di disposizioni che coprono tutti gli aspetti di sicurezza e prevenzione dei rischi.

Da quanti articoli è composto il testo del D.Lgs.81/2008.

Il Decreto Legislativo 81/08, noto come Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, è composto da 306 articoli e 51 allegati ed è entrato in vigore il 15 maggio 2008. E’ suddiviso in 13 titoli i cui contenuti sono:

Titolo I (art. 1-61) Principi comuni: stabilisce le disposizioni generali, il sistema istituzionale, la gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro e le disposizioni penali.

Titolo II (art. 62-68) Luoghi di lavoro: definisce le disposizioni generali e le sanzioni per l’utilizzo dei luoghi di lavoro.

Titolo III (art. 69-87) Uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale: stabilisce le norme per l’utilizzo delle attrezzature di lavoro, i dispositivi di protezione individuale, gli impianti e le apparecchiature elettriche.

Titolo IV (art. 88-160) Cantieri temporanei o mobili: fornisce le misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota, e le sanzioni previste.

Titolo V (art. 161-166) Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro: stabilisce le disposizioni generali e le sanzioni per la segnaletica di sicurezza.

Titolo VI (art. 167-171) Movimentazione manuale dei carichi: definisce le disposizioni generali e le sanzioni per la movimentazione manuale dei carichi.

Titolo VII (art. 172-179) Attrezzature munite di videoterminali: stabilisce le disposizioni generali, gli obblighi del datore di lavoro, dei dirigenti e dei preposti e le sanzioni per l’utilizzo delle attrezzature munite di videoterminali.

Titolo VIII (art. 180-220) Agenti fisici: fornisce le disposizioni generali, la protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro, la protezione dalle vibrazioni, i rischi di esposizione a campi elettromagnetici, e i rischi di esposizione a radiazioni ottiche, oltre alle sanzioni previste.

Titolo IX (art. 221-265) Sostanze pericolose: stabilisce le norme per la protezione da agenti chimici, cancerogeni e mutageni, i rischi connessi all’esposizione all’amianto, e le sanzioni previste.

Titolo X (articoli 266-286): protezione dei lavoratori dall’esposizione ad agenti biologici. Viene stabilisce gli obblighi del datore di lavoro, la sorveglianza sanitaria e le sanzioni per eventuali violazioni.

Titolo XI (articoli 287-297): protezione dei lavoratori dalle atmosfere esplosive, stabilisce le disposizioni generali, gli obblighi del datore di lavoro e le sanzioni previste in caso di violazioni.

Titolo XII (articoli 298-303): disposizioni diverse in materia penale e di procedura penale.

Titolo XIII (articoli 304-306): disposizioni finali del Testo Unico.

Obblighi in capo al datore di lavoro.

Il Testo Unico stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di valutare i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e di adottare le misure necessarie per eliminare o ridurre al minimo i rischi individuati. Includono anche la formazione dei lavoratori, la gestione delle emergenze, la predisposizione di un documento unico di valutazione dei rischi, il monitoraggio e la verifica periodica degli aspetti legati alla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Il Testo Unico prevede, inoltre, anche la responsabilità penale del datore di lavoro per le violazioni della normativa in materia di sicurezza sul lavoro.

Obbligo nomina responsabile del servizio di prevenzione e protezione.

Il D.Lgs.81/2008 stabilisce inoltre l’obbligo per il datore di lavoro di nominare un responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) incaricato di coordinare le attività in materia di sicurezza e salute nell’ambiente di lavoro.

Migliora la tua conoscenza della normativa in materia di sicurezza sul posto di lavoro in Italia. Il D.Lgs. 81/2008.

X

Per leggere l'articolo, accedi o registrati

Non hai un account? Registrati!
X

Per leggere l'articolo, lascia la tua email

Oppure accedi